Fashion Cocktail,  Rubriche

Che cos’è la moda?

Ecco come un vestito può cambiare la vita

Immersa tra decine di abiti e scarpe da catalogare e scegliere in show room, qualche giorno fa ho dovuto spiegare ad una giovane fanciulla non ancora “fashion addicted” e decisamente poco interessata all’argomento, cosa volesse dire la parola moda per me… Che cos’è la moda? Le ho proprio raccontato perché un vestito può cambiarti la vita.

Non volevo sfilare ma stare dietro le quinte

Sono nata con tanti buoni propositi, molta intraprendenza e tanta voglia trovare il mio posto nel mondo. Da ragazzina facevo parte di quella categoria di giovani donne che allo sfilare sulle passerelle preferiva decisamente lo stare dietro le quinte ad organizzarle. La mia famiglia vive nel mondo della moda da sempre, ho anche provato a camminare con abiti addosso, ma non era per me. Un giorno mia zia mi telefonò e mi disse “vieni subito a casa mia, ti devo mostrare dei vestiti”. Ai tempi ritirava dei capi d’abbigliamento di grandi marche che normalmente sarebbero stati inaccessibili ai più, ma che avendo dei piccoli difetti non potevano essere messi in vendita. Entrata in casa sua mi apparve con in mano un abito lungo, nero e con spalline sottilissime a sorreggere le coppe rigide di un corpetto che ricordavano un costume da bagno. Mi illuminai e fui immediatamente sedotta da quell’opera d’arte, frutto di un’azienda che già allora era un’eccellenza del made in Italy e per la prima volta compresi che cos’è la moda.

L’abito da cocktail mi ha cambiato la vita

“Monica”, mi disse con quella saggezza che solo le zie possiedono, “ogni donna nel suo armadio deve possedere un abito da cocktail, perché prima o poi lo userà”. Fino a quel momento l’evento più mondano a cui io avevo partecipato era la festa di fine anno delle scuole superiori, ma le obbedii e scacciando via i dubbi portai a casa quel meraviglioso abito. Rimase imbustato diverso tempo, fin quando non andai a lavorare per una grande azienda nel campo della moda. Qualche mese più tardi ricevetti la prima busta con all’interno un invito in carta satinata e scritte in rilievo: il mio primo evento importante… “Yeahh”, gridava il mio intero corpo. Indovinate il dress code? Abito da cocktail! Il momento era arrivato e io mi ero fatta trovare pronta.

Ci fu un “prima” e un “dopo” l’aver indossato quel vestito. Il mio “sliding dress”

Nel momento preciso in cui indossai l’abito mi sentii come Anne Hathaway ne “Il diavolo veste Prada”. Avete presente quando le fanno provare il suo primo paio di Jimmy Choo? Eccomi. E’ venuta fuori tutta la femminilità che non sapevo neanche di possedere. Quell’abito sembrava disegnato su di me, per me. Mi sentivo sensuale ma non volgare, nonostante abbia sempre fatto a pugni con la mia procacità. In quel preciso istante, quando non ero ancora alla ricerca del mio stile, capii che la classe non è non ostentare mai, ma femminilità, semplicità e cura del dettaglio.

Indossare quell’abito fu come aver indossato una nuova pelle, nella quale mi trovavo benissimo. Ero sempre io, ma con l’abito giusto al momento giusto. Mi sentii “bella da morire” per la prima volta nella vita e trascorsi una delle più emozionanti serate della mia giovanissima vita, capendo cosa significasse essere ammirata per eleganza e passo deciso e non solo per l’aspetto e le caratteristiche fisiche.

Sentivo di poter dire anche io la mia senza sentirmi inadatta. C’eravamo io, il mio vestito, il mio tacco dodici e un luminoso sorriso. Oggi quell’abito è ancora appeso nel mio armadio, ogni volta che lo guardo ripenso al mio benvenuto nella moda. Penso… Ecco cos’è la moda

Fashion Cocktail Monica Dongiovanni Rubrica Italy'n Love

Quando uno stilista disegna un abito non sta solo cucendo tessuti, ma sta regalando un ricordo, un’emozione, una magia.

Monica Dongiovanni

Scopri le eccellenze moda di Italy’n Love:

VYC e Valinù Bags

Non hai mai visto “Il Diavolo veste Prada”???!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *